Menu
Dublino: arriva il Fingal Film Festival a Swords da venerdì 26 a domenica 28 settembre

Dublino: arriva il Fingal Film Fest…

DUBLINO Il Fingal Film Fe...

Il 19 settembre l'Italian Quarter di Dublino accende i riflettori sulla Culture Night

Il 19 settembre l'Italian Quarter d…

L'Italian Quarter di Dubl...

L'ascesa economica irlandese

L'ascesa economica irlandese

Quando l’Irlanda entrò ne...

DUBLINO Google costruisce un ponte futuristico per unire il suo quartier generale

DUBLINO Google costruisce un ponte …

DUBLINO Google realizza u...

DUBLINO: Entro la fine dell’anno si voterà i nuovi COMITES

DUBLINO: Entro la fine dell’anno si…

Entro la fine dell’anno s...

O'Connell Street, un mix di lingue per il grande boulevard.

O'Connell Street, un mix di lingue …

Camminare per strada a Du...

A Taste of Italy in Irlanda grazie a Pasquale Cavaliere

A Taste of Italy in Irlanda grazie …

Tra i prodotti italiani d...

Bruno Busetti ex direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Dublino

Bruno Busetti ex direttore dell’Ist…

Porte sempre aperte, prof...

Cristiana Righi apre il Taste of Emilia a Dublino

Cristiana Righi apre il Taste of Em…

L’ultimo arrivato della s...

Francesco Turrisi un musicista italiano in Irlanda

Francesco Turrisi un musicista ital…

La storia di Francesco Tu...

Prev Next

Il caffè sospeso: la tradizione partenopea è arrivata a Dublino

Il caffé sospeso Il caffé sospeso

Racconta Luciano De Crescenzo nel libro “Caffè sospeso” (Mondadori, 2008): «Quando un napoletano è felice per qualche ragione, invece di pagare un solo caffè, quello che berrebbe lui, ne paga due, uno per sé e uno per il cliente che viene dopo. È come offrire un caffè al resto del mondo». L’usanza del caffè sospeso è una filosofia di vita che trasforma il gesto del caffè in solidarietà nei confronti di un bisognoso sconosciuto. In Italia il caffè sospeso esiste da decenni e addirittura, nel 2010, è nata a Napoli l’associazione culturale “La rete del caffè sospeso”. Da qualche tempo altre al caffè c'è chi lascia sospeso anche un panino o un pasto: un bel gesto discreto e d'amore verso il prossimo. Oggi questa antica usanza partenopea si sta diffondendo in tutto il mondo registrando un notevole successo. Basti pensare che a Göteborg in Svezia esistono cinque bar dove si può chiedere un caffè sospeso. E nel mondo, almeno stando a quanto è scritto sulla pagina facebook ufficiale dedicata alla diffusione del “suspended coffee” e nella mappa dell'associazione “La rete del caffè sospeso” si trovano centinaia di posti che hanno accolto con favore l'usanza napoletana. Da Sidney a Praga, da Parigi a Sofia, dove un centinaio di bar e caffè bulgari si sono uniti per formare una rete bulgara del caffè sospeso. Dal Vesuvio al Rio de la Plata, anche a Buenos Aires è sbarcato il “cafè pendiente”, accompagnato magari anche da una 'medialunà. Con grande orgoglio anche a Dublino è possibile trovare questa bella usanza e precisamente al Third Space di Smithfield. Inaugurato nel 2012, il bar/ristorante vuole essere non uno spazio di lavoro, non abitabile ma, appunto, un terzo spazio dove incontrarsi, socializzare. Un posto per le persone locali per raccogliere e mangiare in modo semplice, economico e informale, con spazio per le attività creative, culturali e comunitarie. Un luogo perfetto per fare un gesto di solidarietà, per regalare un caffè caldo nelle giornate fredde, facendo rimanere in sospeso un po’ di amore.

Login to post comments
back to top