Menu
Tra sogno e desiderio, vado a vivere in Irlanda

Tra sogno e desiderio, vado a viver…

Fa parte dei sogni felici...

Mercato immobiliare irlandese: la crescita è disomogenea, attenti alla nuova bolla

Mercato immobiliare irlandese: la c…

Verso la bolla immobiliar...

Virginia Macari tra cinema moda e TV show

Virginia Macari tra cinema moda e T…

L’attrice protagonista de...

DUBLINO: Antonello d’Orazio e Andrea Savignano celebrano gli 11 anni dell'«Italian Quarter» tra vino e porchetta

DUBLINO: Antonello d’Orazio e Andre…

DUBLINO I loro event...

Robert Sanasi scrive un libro «sulla mia esperienza a Dublino» tra nostalgie e soddisfazioni

Robert Sanasi scrive un libro «sull…

La fuga di cervelli dall’...

DUBLINO: partono i Progetti Erasmus e Leonardo con Irlandiani

DUBLINO: partono i Progetti Erasmus…

DUBLINO Italia ed Irlanda...

Irlandiani ritorna con la realizzazione di un dizionario sulle migrazioni e Francesco Dominoni scrive ai lettori

Irlandiani ritorna con la realizzaz…

«Quest'anno abbiamo contr...

Maria Pelosi e Gino Di Mascio in irlanda dal 1921

Maria Pelosi e Gino Di Mascio in ir…

La famiglia di Gino Di Ma...

Sotto i viadotti dell’autostrada Dublino-Belfast in località Swords: una riserva di uccelli con fotografi che arrivano da tutto il mondo

Sotto i viadotti dell’autostrada Du…

Ci vogliono venti minuti ...

Luca Primavera lavora con gli U2

Luca Primavera lavora con gli U2

Luca Primavera, è un raga...

Prev Next

In Italia il concetto di ostello è peggiore di quello irlandese Featured

Interno di un Ostello a Dublino Interno di un Ostello a Dublino

In Italia il concetto di hostel è davvero anni luce da questo. Quando un viaggiatore, dopo una giornata trascorsa in giro per Dublino su e giù per il Liffey, torna nell'ostello che ha scelto per alloggiare pronto a una doccia e una sana dormita potrebbe trovarsi davanti uno spettacolo a cui non sa resistere: la musica folk irlandese.
La tranquilla sala comune di poche ore prima sembra diventata un caratteristico pub di Temple Bar, con un gruppo di ragazzi che suona con foga gli strumenti tradizionali, la gente balla impazzita. Svedesi, tedeschi, spagnoli, americani: non esistono più lingue, nazionalità o colore di pelle, si gira e si battono le mani, si suda e si canta mentre dal bar la birra viene elargita con generosità. E il viaggiatore sorride, perché proprio quando pensava che la giornata fosse finita ecco che scopre che è appena cominciata la serata più magica della sua permanenza. Poi un religioso silenzio, e mentre l'atmosfera cambia e il più distratto si guarda attorno per capire cosa succede ecco che una ragazza intona una nenia dolce e ipnotica, nell'antica lingua dei celti. Chi l'avrebbe mai detto che tante persone potessero commuoversi e sentirsi unite dal filo sottile di una lingua sconosciuta. “E tutto in un ostello”–commenta Cristian, pugliese qui a Dublino per una breve vacanza “In Italia il concetto di hostel è davvero anni luce da questo. I turisti si sentirebbero davvero molto più presi dal territorio se si offrissero strutture e ambiente a questi livelli.” E intanto la musica non si ferma, a ogni pausa si leva un applauso sincero, e chi decide di andare finalmente a dormire viene sospinto indietro e ributtato nella mischia. Essendo l'ospitalità degli Irlandesi leggendaria, non si può non ricambiare con tutto l'entusiasmo che si possiede, specie se ad offrire l'intrattenimento è un gruppo di ragazzi giovani, innamorati della propria terra e della musica tanto da passare le serate in giro per Dublino a suonare gratis.

Login to post comments
back to top