Menu
John Griffin ex Presidente dell’Irish Business Association

John Griffin ex Presidente dell’Iri…

Il signor John Griffin è ...

La lingua italiana entra nella lingua parlata dagli irlandesi, esempi? minestrone, latte o prima donna

La lingua italiana entra nella ling…

La lingua italiana entra ...

Malahide una cittadina sporca alle porte di Dublino

Malahide una cittadina sporca alle …

Malahide. Cittadina sporc...

SWORDS Il Fingal Film Festival  alza oggi il sipario

SWORDS Il Fingal Film Festival alz…

DUBLINO Il Fingal Film Fe...

DUBLINO. Gli affitti aumentano ma le case mancano

DUBLINO. Gli affitti aumentano ma l…

  DUBLINO. Dopo sei...

Irlanda: il risanamento della crisi bancaria

Irlanda: il risanamento della crisi…

Dublino. Il risanamento d...

Irlanda: decolla l'export

Irlanda: decolla l'export

DUBLINO. Dal 2008 al 2013...

Dublino: arriva il Fingal Film Festival a Swords da venerdì 26 a domenica 28 settembre

Dublino: arriva il Fingal Film Fest…

DUBLINO Il Fingal Film Fe...

DUBLINO: in 3mila con Irlandiani oggi in centro a Dublino

DUBLINO: in 3mila con Irlandiani og…

DUBLINO. Promozione itali...

Sul rinnovo dei COMITES parla Dino Nardi mambro del Consiglio Generale degli Italiani all'Estero

Sul rinnovo dei COMITES parla Dino …

Dopo dieci anni finalment...

Prev Next

Dublino e gli affitti esorbitanti Featured

La centralissima O'Connell Street  a Dublino La centralissima O'Connell Street a Dublino

Gli affitti a Dublino sono alti. Passeggiare a Grafton Street, la via più celebre di Dublino, solo pochi anni fa era come attraversare le vie più lussuose di Manhattan. Simbolo della ricchezza irlandese, le firme più prestigiose avevano le loro vetrine nella via che porta al Trinity College. Adesso invece la maggior parte degli spazi commerciali sono riservati a catene di fast food o negozi di cellulari, e si possono vedere picchetti di lavoratori licenziati dai megastore che non riescono più a pagare gli esorbitanti affitti. La crisi ha fatto crollare il mercato immobiliare irlandese, cresciuto a dismisura grazie ai crediti facili concessi dalle banche. La recessione ha colpito drammaticamente il potere d’acquisto delle famiglie, riducendo drasticamente i consumi. La situazione ha così reso insostenibile il mantenimento di molte attività commerciali, i cui affitti sono simili ai livelli pre 2008 ma che ora non possono essere più pagati dagli esercenti.

Login to post comments
back to top