Menu
Sul rinnovo dei COMITES parla Dino Nardi mambro del Consiglio Generale degli Italiani all'Estero

Sul rinnovo dei COMITES parla Dino …

Dopo dieci anni finalment...

Dublino: arriva il Fingal Film Festival a Swords da venerdì 26 a domenica 28 settembre

Dublino: arriva il Fingal Film Fest…

DUBLINO Il Fingal Film Fe...

Il 19 settembre l'Italian Quarter di Dublino accende i riflettori sulla Culture Night

Il 19 settembre l'Italian Quarter d…

L'Italian Quarter di Dubl...

L'ascesa economica irlandese

L'ascesa economica irlandese

Quando l’Irlanda entrò ne...

DUBLINO Google costruisce un ponte futuristico per unire il suo quartier generale

DUBLINO Google costruisce un ponte …

DUBLINO Google realizza u...

DUBLINO: Entro la fine dell’anno si voterà i nuovi COMITES

DUBLINO: Entro la fine dell’anno si…

Entro la fine dell’anno s...

O'Connell Street, un mix di lingue per il grande boulevard.

O'Connell Street, un mix di lingue …

Camminare per strada a Du...

A Taste of Italy in Irlanda grazie a Pasquale Cavaliere

A Taste of Italy in Irlanda grazie …

Tra i prodotti italiani d...

Bruno Busetti ex direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Dublino

Bruno Busetti ex direttore dell’Ist…

Porte sempre aperte, prof...

Cristiana Righi apre il Taste of Emilia a Dublino

Cristiana Righi apre il Taste of Em…

L’ultimo arrivato della s...

Prev Next

Intervista a Claudio Franci, sindaco di Castel del Piano

  • Written by 
Il sindaco di Castel del Piano Il sindaco di Castel del Piano

"Claudio Franci è il sindaco di Castel del Piano un paese di 4900
abitanti in provincia di Grosseto, situato nell'area dell'Amiata. Il 15 e il
16 aprile ha preso parte alla manifestazione “Tuscany Spring-A Taste of Italy” , organizzata in Irlanda dall'ambasciatore italiano Maurizio Zanini
per promuovere la ricchezza artistica ed enogastronomica della
regione e festeggiare l'arrivo della Primavera".


Come nasce l'iniziativa irlandese?
"L'iniziativa irlandese nasce grazie all'impegno dell' Ambasciatore
Zanini che appassionato della Toscana e in particolare dell'Amiata e
della Val D' Orcia, ha voluto darle risalto e visibilità, per
promuovere l'Italia all'estero. Si potrebbe definire quasi un nostro
concittadino, perché da noi ha una residenza dove passa volentieri le
sue vacanze. Noi abbiamo partecipato insieme al comune di Montalcino,
per dare vita a questa  manifestazione insieme enogastronomica e
culturale. Si parla di prodotti  che valorizzano l' immagine dell' Italia nel mondo. Il Brunello della Val d'Orsa costituisce un marchio conosciutissimo, ma vogliamo lanciare anche l'eccellente Montecucco . Abbiamo deciso quindi anche di portare prodotti diversi che rappresentano delle nicchie di
mercato. Abbiamo voluto far assaggiare il nostro olio, un prodotto
d'eccellenza, apprezzato e premiato in tutto il mondo. Abbiamo portato
un pezzo d' industria toscana del dolciario, rappresentato dall'
azienda Corsini. Abbiamo voluto, infine, abbinare dolce e salato,
presentando prelibati salumi tipici. Abbiamo deciso di portare una
testimonianza di cucina, perché abbiamo dei ristoratori davvero bravi ed
importanti: durante la manifestazione è stato possibile veder
preparare e gustare il Piccio toscano. Si tratta di una pasta semplice, 
acqua,farina ed olio i suoi ingredienti, ma che assume un gusto veramente particolare. Penso quindi che portando questa nicchia di Toscana in Irlanda abbiamo contribuito a rappresentare al meglio il nostro paese. Ed in questo momento difficile di crisi per l'Italia, confidando nell'operato della
Presidenza irlandese, abbiamo voluto inviare questo messaggio: bisogna
guardare avanti, si deve investire".

Ci sono dei tratti che accomunano i paesaggi toscani e irlandesi?
"Abbiamo fatto un giro ieri per la campagna irlandese :il nostro clima,
certo, non è minimamente paragonabile. Questa è la differenza più
importante, dato che condiziona lo stile di vita delle
persone,l'ambiente e le produzioni. Ma vi sono pezzi di territorio
che somigliano ai nostri e così anche le varie attività produttive che
vi si praticano: la pastorizia ne è un esempio. Condividiamo poi una
lunga tradizione nell'allevamento dei cavalli. Quindi effettivamente,
abbiamo riscontrato alcune forti somiglianze nel territorio e nelle
attività che lo caratterizzano".

Login to post comments
back to top