Menu
Cristiana Righi apre il Taste of Emilia a Dublino

Cristiana Righi apre il Taste of Em…

L’ultimo arrivato della s...

Francesco Turrisi un musicista italiano in Irlanda

Francesco Turrisi un musicista ital…

La storia di Francesco Tu...

Vincenzo Giglione pietra miliare del CLUB Italiano

Vincenzo Giglione pietra miliare de…

Vincenzo Giglione, una vi...

Tra sogno e desiderio, vado a vivere in Irlanda

Tra sogno e desiderio, vado a viver…

Fa parte dei sogni felici...

Mercato immobiliare irlandese: la crescita è disomogenea, attenti alla nuova bolla

Mercato immobiliare irlandese: la c…

Verso la bolla immobiliar...

Virginia Macari tra cinema moda e TV show

Virginia Macari tra cinema moda e T…

L’attrice protagonista de...

DUBLINO: Antonello d’Orazio e Andrea Savignano celebrano gli 11 anni dell'«Italian Quarter» tra vino e porchetta

DUBLINO: Antonello d’Orazio e Andre…

DUBLINO I loro event...

Robert Sanasi scrive un libro «sulla mia esperienza a Dublino» tra nostalgie e soddisfazioni

Robert Sanasi scrive un libro «sull…

La fuga di cervelli dall’...

DUBLINO: partono i Progetti Erasmus e Leonardo con Irlandiani

DUBLINO: partono i Progetti Erasmus…

DUBLINO Italia ed Irlanda...

Irlandiani ritorna con la realizzazione di un dizionario sulle migrazioni e Francesco Dominoni scrive ai lettori

Irlandiani ritorna con la realizzaz…

«Quest'anno abbiamo contr...

Prev Next

Un suono a quale colore corrisponde?

Julio Julio

“La filosofia moderna occidentale, insieme con la scienza moderna, ha per molto tempo sostenuto la netta distinzione tra qualità oggettive e soggettive. Le prime grandezze, misurabili, sono inerenti all'oggetto e le seconde dipendono dal soggetto. Giulio D'Agostino (Julio) invece propone un'idea innovativa:ai colori corrispondono dei suoni e questo è un dato naturale”.

L'idea principale della Photosonic Orchestra è la trasformazione dei colori in suoni: come si ottiene, come funziona?

Nel 2003 ho ottenuto il brevetto per un mezzo software/hardware che trasforma i suoni in colori. Non è facile conseguire i brevetti, bisogna avere tra le mani qualcosa di innovativo, ma anche di solido ed effettivo.La struttura del mio progetto in realtà è molto semplice:tutto in natura è una frequenza. La luce è una frequenza che vibra più velocemente,il colore più lentamente. Costruisci così una tavola di traduzione, come quando traduci dalle lingue. Si tratta quindi, semplicemente, di una comparazione tra le frequenze. Non è una cosa soggettiva. In natura c’è una frequenza che ha un determinato colore: una nota la a cui corrisponde un colore, ad esempio il rosso.

Cosa ti ha spinto verso la ricerca di questa innovazione: c'è un messaggio filosofico dietro la scelta di trasformare il suono in colore, escludendo la mediazione della parola?

Il punto di partenza è il fascino della sinestesia. Quando ero adolescente ascoltavo e mi interessavo alla musica del grande Igor' Fëdorovic Stravinskij : mi piaceva vedere i legami tra le sue sinfonie e le opere di Picasso. La letteratura, al riguardo, non manca:il compositore russo Alexandr Skryabin scrisse il Prometeo, opera in cui sceglieva i suoni in base ai colori che creavano.L'idea quindi del primo concerto fotosonico.La domanda che condividiamo è : uno strumento che colore produce?

 

Login to post comments
back to top