Menu

DUBLINO: L'Ambasciatore Zanini lascia l'Irlanda «tra nostalgia e tristezza»

  • Published in News

DUBLINO «Lascio l'Irlanda tra nostalgia e tristezza». Si è svolto ieri sera, presso la residenza di Lucan House a mezz'ora di auto da Dublino l’incontro di commiato dell’ Ambasciatore italiano Maurizio Zanini, che conclude il suo incarico in Irlanda e va in pensione nelle colline toscane del Chianti. Erano presenti i rappresentanti della comunità italiana in Irlanda, tra cui il Raffaele Cavallo presidente del COMITES Irlanda, Rita Macari presidente del Club Italiano, Davide Sosio General Manager della ANIMA Asset Management Ireland Ltd, Furio Pietribiasi Managing Director MEDIOLANUM INTERNATIONAL FUNDS LTD, Paolo Zanni General Manager EMRO Finance Ireland ltd, Luca Musso Lab Director Primeur, Danilo Vertemara Materials Manager ROTTAPHARM Ltd, Carlo Rizzini Casa Rizzini Ireland ltd, Valentina Doorly, Luigi Santoro proprietario del Ciao Bella Roma, Concetto La Malfa Direttore Italia Stampa, Enrico Zoppi titolare della Eazy Cork, Cormac O Cuilleanain capo del dipartimento di italiano del Trinity College, Gino e Maria Di Mascio imprenditori in pensione di pesce e patate, Angela Tangianu direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura, Francesco Dominoni direttore di Irlandiani, Gabriella Grassi professoressa al Trinity College Department of Italian.

Nel discorso di ringraziamento, l’ambasciatore Maurizio Zanini ha espresso il proprio apprezzamento per l’appoggio offerto dal governo irlandese ai nostri connazionali sui temi del lavoro, la diffusione della cultura italiana e la nascita di nuove aziende. Percorre le tappe più importanti della missione irlandese sottolineando la recente visita del Presidente del Consiglio Enrico Letta, la nascita dell'Italian Business Group e la nomina di Roberto Gasperoni nuovo console di Cork. L’ Ambasciatore ha poi ricordato che l’Italia e l'Irlanda hanno siglato un'accordo «bilaterale rafforzato». Una sorta di corsia preferenziale tra i rappresentati di governo dei due paesi. Uno status che l'Italia ha solo con l'Inghilterra in Europa.

Zanini si è detto certo che il proprio successore, l’ambasciatore Giovanni Adorni Braccesi, continuerà ad operare nella direzione di quanto è stato già deliberato e realizzato, contribuendo con la propria esperienza a modulare i rapporti di amicizia e collaborazione secondo obiettivi di crescita armonica e costante.

Grato a tutte le istituzioni che lo hanno appoggiato durante il suo mandato, il diplomatico ha salutato commosso il personale dell’ambasciata e dell'Istituto italiano di Cultura.

Read more...

L'Ambasciatore Zanini lascia l'Irlanda

  • Published in News

L'Ambasciatore Zanini a gennaio lascia l'Irlanda. L'annuncio ufficiale ieri a Lucan house davanti all'Executive Committee del Business Group. «Rientro in Italia perche' vado in pensione - spiega l'Ambasciatore Zanini - dopo quarant'anni di servizio presso il Ministero degli Affari Esteri. Trascorrero' la mia pensione con mia moglie in Toscana tra le colline del Chianti dove ho acquistato una proprieta'. In Irlanda mi sono trovato benissimo».

L'Ambasciatore sara' ricordato come il padre dell'Italian Business Group: il gruppo di imprenditori Italiani fondato nel marzo 2012 con l'obiettivo di promuovere il Made in Italy in Irlanda. Che nel corso di questi anni ha stretto mani a ministri e legato con istituzioni ed agenzie irlandesi.
L'ambasciatore ricorda che la bisnonna di sua moglie è originaria della contea di Clare, nella costa atlantica irlandese. Inoltre la sua famiglia aveva una conoscenza diretta con la famiglia Marconi, inventori della radio, tramite la famiglia Caproni, costruttori di Aerei.

Nato a Roma nel 1949 e laureatosi in giurisprudenza all’Università “La Sapienza” di Roma, ha iniziato la carriera diplomatica nel 1974 e, dopo un breve periodo alla Direzione Generale degli Affari Politici, ha lavorato al Cerimoniale Diplomatico della Repubblica e, di nuovo, alla Direzione Generale degli Affari Politici. Ha svolto le funzioni di Consigliere Diplomatico del Ministro per i Diritti e le pari opportunità alla Presidenza del Consiglio e, al Ministero.
Tra le altre cariche, ricordiamo quella di Coordinatore per l'Organizzazione Mondiale del Commercio alla Direzione Generale Affari Economici e poi Coordinatore per le questioni economiche, finanziarie e commerciali in ambito Nazioni Unite alla Direzione Generale per la Cooperazione Economica e Finanziaria Multilaterale e poi per la Mondializzazione ed Affari Globali.
Significativa anche la carriera estera e in particolare il suo ruolo di Segretario Commerciale a Guatemala, Primo Segretario Politico a Bonn, Consigliere Commerciale a Tripoli, Console Generale ad Amburgo. Dal 1995 è stato Primo Consigliere per l'emigrazione e gli affari sociali a Washington e, dal 2002 al 2006, Ambasciatore d'Italia a La Paz, Bolivia. «Desidero ringraziare la comunità italiana e mi auguro di incontrarci presto» conclude l'Ambasciatore Maurizio Zanini.

Read more...
Subscribe to this RSS feed