Menu

Items filtered by date: November 2015

Master universitario in Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale italiano all’estero

  • Published in News

Il Consorzio interuniversitario ICoN – Italian Culture on the Net, composto da 19 università italiane dedito all’e-learning per la promozione della lingua e della cultura italiana nel mondo, dà il via al Master universitario in Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale italiano all’estero. Dura un anno ed è realizzato dall’Università di Parma con la collaborazione di questo Consorzio e con il contributo degli Atenei di Milano e Torino. I corsi sono tenuti da docenti universitari, professionisti, tecnici e funzionari dello Stato. Il Master ha lo scopo di formare figure professionali altamente qualificate e orientate alla scoperta, la catalogazione, la conoscenza e la valorizzazione del cospicuo patrimonio culturale che gli italiani hanno prodotto. Possono iscriversi cittadini sia stranieri che italiani residenti all’estero o in Italia. Sono oggetto di studio i beni prodotti nel Novecento come: documentazione a stampa e manoscritta, opere d'arte, fotografia, design e oggetti d'uso, musica, cinema e audiovisivi. Con particolare attenzione alle testimonianze dell'emigrazione italiana. Le attività previste si avvalgono dei più recenti software di catalogazione e di schedatura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con approfondimenti sul recupero dell’informazione in Rete, sull’editoria digitale e sui criteri di creazione di siti web culturali.
Il Master, di durata annuale, è articolato in quattro fasi: laboratori on line basati su video lezioni, studio dei moduli didattici, stage e tesi. La data di inizio prevista è il 7 marzo 2016. La quota di iscrizione è di € 2.000, da versare in due rate. Le iscrizioni online, alla pagina http://www.mastertutelabeniculturali.it/index.asp?codpage=regmaster1, sono aperte fino al 23 novembre. Per potersi iscrivere è necessario essere in possesso di una laurea almeno triennale o titolo straniero equivalente, attinenti agli ambiti del Master (laurea in lettere o equivalente). Potranno essere valutati anche particolari diplomi universitari. E’ possibile anche iscriversi a parte del Master, senza frequentare lo stage e discutere la tesi e quindi senza ottenere il titolo di Master. In questo caso non è necessario essere in possesso di una laurea. Le quote di iscrizione sono € 500 per i laboratori online basati su video lezioni e € 250 per una singola sottosezione (la Storia, il progetto artistico, Cinema, multimedia, audiovisivi e produzione musicale, Creazione e gestione di banche dati di archivi documentari e bibliografici e di collezione artistiche, Conservazione e promozione dei beni culturali).
Da questa pagina http://www.mastertutelabeniculturali.it/schede/Piano_didattico_2014_2015.pdf è possibile scaricare il piano didattico completo.
Per informazioni, gli interessati possono contattarmi all’indirizzo This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Read more...

Il Castello irlandese di Swords a Nord Est di Dublino, apre a tutti

  • Published in News

Il Castello di Swords, cittadina di oltre 60mila abitanti, a circa 15 chilometri a nord est dal centro di Dublino, apre al pubblico. Facilmente raggiungibile con la Dublin Bus ed il Swords Express. Situato nel cuore di Swords, a circa cinque chilometri dall’aeroporto internazionale apre a tutti. Rappresenta il meglio dell’era medioevale irlandese. Il sito non è stato usato per scopi militari. Ma per assicurarsi una presenza religiosa. E’ una sede di rappresentanza della chiesa per il devoto arcivescovo di Dublino con oltre ottocento anni di storia. E’ aperto al pubblico dal primo luglio del 2015. Ricchissimo di storia celtica. La cappella dell’arcivescovo è aperta al pubblico. Il castello è aperto dalle 10:00 del mattino alle 18:00 di sera durante la settimana. Nei periodi estivi ospita diversi eventi: in estate il Swords Summer Festival insieme all’associazione degli archeologi. Ulteriori richieste di informazioni possono essere inoltrate a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Read more...

A Swords, Dublino Nord Est, previste mille nuove case

  • Published in News

A Swords, quindici chilometri nord dal centro di Dublino, sono pronte alla vendita del migliore offerente: una sessanta casette a schiera chiavi in mano. Sono previste oltre un migliaio di altre abitazioni. Nei prossimi anni. Il tutto a due passi dall’aeroporto, con scuole ed autobus. Un lotto di terra pronto ad essere edificato tra giardini e parchi. In parte gia' costruito. E’ così che Dublino si prepara all’arrivo della metropolitana leggera nella zona nord della contea più popolata d’Irlanda: la contea di Dublino. La zona di «Millers Glen» è attaccata ad Apple Wood. Un piccolo villaggio alla periferia di Swords con negozi, pub e palestra. Sono diversi gli italiani che si sono trapiantati in questa zona. Un po’ per necessita' e d un po’ per investimento. Oggi, secondo gli esperti, è l’occasione di comperare. I prezzi variano dai 250mila euro in su. A seconda del numero di camere.

Read more...

Amanda Melling nel suo ultimo romanzo, Il Peso sul cuore, racconta il «Mal d’Irlanda» tra folklore, leggende, castelli, scogliere e folletti. Il desiderio di tornare in quel luogo incantato.

Amanda Melling si trasferisce in Irlanda e si dedica alla scrittura tra folklore popolare e folletti. E' autrice di IL PESO SUL CUORE dove racconta il «Mal d’Irlanda»

Italiani in Irlanda. Amanda Melling scrittrice italiana ed autrice del suo ultimo romanzo IL PESO SUL CUORE. Una storia che inizia a Sanremo e si sviluppa a Cong, nella contea di Mayo, nell'Irlanda occidentale. Amanda nasce a Londra nel 1977, da madre tedesca e padre italiano. Vive diversi anni in Liguria e Piemonte, si trasferisce in Irlanda con suo marito, anglo-irlandese. Nasce come scrittrice per la saggistica e la narrativa, in particolare quella dedicata alle donne. È direttore editoriale per la collana di romanzi rosa Amaranta di Antonio Tombolini Editore. Amanda dopo il trasferimento si dedica al settore del turismo, acquistando un Guesthouse, nella contea di Clare. Alla nascita del terzo figlio decide di trasferirsi nella contea di Mayo per dedicarsi completamente alla scrittura. Una scelta per raccontare il folklore popolare irlandese. Si sente attratta da una casa, in particolare, che è l’ispirazione del suo romanzo.

Cosa è il mal d'Irlanda?
«È la nostalgia di una terra piena di leggende e colori, di un'isola dove la gente suona nei pub antiche ballate tradizionali, con l'allegria nel cuore. È il desiderio di tornare in quel luogo incantato dove nascono storie di folletti e forti fatati, tra scogliere, muschio umido e colline di un verde vibrante. Questa è la storia di Erica, approdata sull'isola di smeraldo per cercare la zia, scomparsa molti anni prima in circostanze misteriose. Attraverso i racconti degli anziani del villaggio di Cong, la ragazza scoprirà che spesso la fantasia e la realtà non sono così inconciliabili, non in terre irlandesi. Un viaggio letterario alla scoperta dell'anima di un paese ricco di folklore sul Piccolo Popolo».

Come è nata l'idea e perché?
«Mi sono trasferita in Irlanda tre anni fa. Inizialmente avevo deciso di dedicarmi al settore del turismo, acquistando un Guesthouse nella contea di Clare. Alla nascita del mio terzo figlio ho deciso di trasferirmi nuovamente, nella contea di Mayo, e dedicarmi completamente alla scrittura. Volevo raccontare qualcosa della vita di un b&b, che per un anno ho sperimentato, e della mia più grande passione: il folklore popolare, che in terre irlandesi di certo non manca, specialmente per quanto riguarda il mondo dei folletti. Andavo spesso a passeggiare a Cong, e mi sentivo attratta da una casa in particolare, che ha dato spunto alla trama, trasformandosi nel b&b che nel romanzo si chiama The Fisherman's Lodge».

Amanda Melling il peso sul cuore irlanda castello di Ashford

Dove è ambientato?
«Il romanzo inizia a Sanremo, dove la protagonista vive, gestendo una focacceria di famiglia, per poi spostarsi interamente nel paese di Cong, nella contea di Mayo. Ci sono all'interno anche alcuni momenti a Galway, la mia città preferita».

Quali tematiche tocca?
«Principalmente il folklore popolare e la mitologia: il Piccolo Popolo, le credenze sui forti fatati, le leggende popolari dell'isola di smeraldo. E l'amore, che sboccia tra i protagonisti».

Quali sono i protagonisti principali?
«Erica, una ragazza ligure molto introversa e amante della cucina, Brian, il proprietario di un pub tradizionale irlandese, e Finn, proprietario del b&b dove la protagonista soggiorna. Ci sono all'interno altri due protagonisti importanti: una zia scomparsa nel nulla molti anni prima, su cui la nipote decide di indagare, e Ashford Castle. Si, perché per quanto si tratti di un albergo, i suoi giardini, terreni e dintorni sono sempre presenti nella storia».

Castello di Ashford da un’altra angolatura

Perché comprare il tuo libro? Verso quale pubblico ti sei indirizzata?
«Il romanzo ha un tocco dichiaratamente femminile, è rivolto a chi ha un'anima sognatrice, a chi crede nell'amore e anche al mistero. Ovviamente è soprattutto una cura per chi soffre di "mal d'Irlanda"».

La vera casa di Cong che ha ispirato il romanzo di Amanda Melling

Dove si può trovare il libro?
«Il peso sul cuore, edito da Antonio Tombolini Editore, si trova nei principali store online, come ad esempio Hoepli, Bookrepublic, Amazon, e StreetLib. Presto sarà anche in cartaceo».

Read more...
Subscribe to this RSS feed