Menu

Irish Piemontese beef, a Bray l'evento culinario dedicato al Piemontese

I due allevatori, John Commins e Michael Fennelly I due allevatori, John Commins e Michael Fennelly

Carne e vini pregiati del Piemonte protagonisti di una serata italo-irlandese che si è svolta ieri 27 settembre presso il Ristorante Campo de' Fiori a Bray, nella Contea di Wicklow. L'Irish Piemontese Beef event, organizzato dall'Executive Committee Italian Business Group, ha visto sfilare magnifici piatti, cucinati dallo chef italiano Marco Roccasalvo utilizzando una carne particolare, quella appunto dell'Irish Piemontese beef, razza di bovini italiana allevata in Irlanda da due lungimiranti fattori, John Commins e Michael Fennelly. Li abbiamo intervistati per saperne di più sulla loro avventura internazionale.

Come vi siete avvicinati a questa razza di bovini e cosa vi ha colpito tanto da volerla importare in Irlanda?

“Ci siamo incontrati in aeroporto durante un viaggio organizzato da alcuni tour operator commerciali italiani, direzione Cuneo e dintorni. Lo scopo era quello di far conoscere meglio ciò che il Piemonte offriva di buono, e questa razza di bovini ci ha colpiti. Grazie a un gene specifico della razza infatti, questi bovini hanno una carne povera di grassi, colesterolo e calorie, ma ricco di acidi grassi essenziali. Così nel 2005 abbiamo deciso di importare i primi capi per vedere come andava; l'esperimento in pochi anni è riuscito e abbiamo deciso di allargare il nostro mercato portando più esemplari e facendo conoscere questa carne”

Come hanno reagito gli irlandesi alla novità?

“Abbastanza bene. Ovviamente siamo solo una goccia nell'oceano, ma gli irlandesi hanno una particolare attenzione per quanto riguarda la carne, e una così salutare ha attirato l'attenzione. All'inizio le persone non riuscivano a capire come un manzo così povero di grassi potesse risultare tanto tenero e gustoso, ma è così e speriamo di farci conoscere ancora di più. Le persone che sono attente alla salute ci hanno sostenuto e incoraggiato, hanno contribuito ad allargare la mentalità”

Il manzo Piemontese è un'esclusiva dei ristoranti o è possibile trovarla anche al supermercato?

“Abbiamo varie possibilità. Molti ristoranti e negozi sono nostri clienti da tempo, e ci sono anche alcuni supermarket nel paese che si servono da noi. Nel tempo abbiamo iniziato anche a espanderci all'estero, specialmente in Scozia dove l'allevamento è fondamentale per l'economia. Abbiamo un partner ad Aberdeen che si era informato sulla razza ma non aveva mai trovato occasione per provarla. Quando ha saputo del nostro esperimento ha preso il primo aereo ed è venuto a trovarci. Ne è rimasto entusiasta e ci ha aiutato ad espandere il nostro mercato includendo gran parte nel Regno Unito grazie a uno shop online.”

Le origini italiane sono specificate sull'etichetta del prodotto?

“Le nostre carni sono al 100% irlandesi, di bovini nati e cresciuti nelle nostre fattorie, ma viene specificato che si tratta di una razza di origine italiana. La catena di distribuzione è abbastanza diretta, di solito siamo noi stessi a spedire tramite corriere la carne ai privati in tutta l'Irlanda, quindi l'etichetta ha un valore fondamentale nel presentare i prodotti.”

Nel corso della serata, altri interventi hanno illustrato le delizie piemontesi. Chi sa, forse un giorno l'Irish Piemontese troverà la sua strada di ritorno in Italia.

Login to post comments
back to top